Ottimizzazione on site

Ottimizzazione on site

Attraverso l’ottimizzazione di un sito web è possibile migliorarne il posizionamento, con particolare riferimento alle keyword di tipo long tail e a bassa competitività. Ecco quali sono i passaggi fondamentali da seguire in questa fase.

Definizione delle keywords

Dopo aver studiato il settore e aver analizzato il sito web, è indispensabile definire le keywords – o, ancor meglio, le tematiche – in base alle quali ottimizzare l’intero sito web.

Le parole chiave individuate saranno corredate dal volume di ricerca – che indica il numero medio di ricerche mensili – e dalla competitività – che indica il tasso di concorrenzialità della parola chiave. Decisivo è trovare il miglior trade off tra numero di ricerche e competitività, in maniera tale da rintracciare le migliori keywords.

Ottimizzazione del codice HTML

Per ottimizzare efficacemente un sito web occorre lavorare sul codice HTML. La struttura del sito dev’essere chiara e ben definita ed è necessario perfezionare l’utilizzo di meta tags, URL, tag e categorie.

Occorre, inoltre, verificare le performance e la corretta visualizzazione del sito sui dispositivi mobile.

Perfezionamento dei contenuti testuali

Scrivere buoni contenuti, ottimizzati in ottica SEO, è decisivo per il loro posizionamento sui motori di ricerca. Vanno evitate, allo stesso tempo, tecniche a rischio penalizzazione quali il keyword stuffing (l’utilizzo, all’interno del testo, della medesima parola chiave ripetuta numerosissime volte).

Allo stesso tempo, è indispensabile ottimizzare le immagini, sia per quanto riguarda dimensioni e formato (per ridurre i tempi di caricamento del sito) sia per quanto riguarda i parametri SEO, tra cui l’Alt text.